Endometriosi – Non sottovalutiamola!

Se ne sente più spesso parlare, ma non tutt* sanno bene cosa sia e cosa comporta.

Io stessa ne sapevo poco e niente finchè una mia amica ha avuto grossi problemi relativi a questa malattia.

Nomi strani, complicati. Tante parole che però non spiegano effettivamente cosa succede al corpo di una donna che soffre di endometriosi. Conoscevo questa parola, endometriosi, sapevo di alcune ragazze che ne soffrivano, sapevo che si stava male, che durante le mestruazioni si sentivano dei dolori forti, ma non sapevo cosa volesse dire, cosa comportasse realmente.

L’endometriosi, per definizione scientifica è una malattia cronica e complessa, originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero, cioè l’endometrio, in altri organi quali ovaie, tube, peritoneo, vagina, intestino. Ciò provoca sanguinamenti interni, infiammazioni croniche e tessuto cicatriziale, aderenze ed infertilità. Ogni mese, sotto gli effetti degli ormoni del ciclo mestruale, il tessuto endometriale impiantato in sede anomala va incontro a sanguinamento, nello stesso modo in cui si verifica a carico dell’endometrio normalmente presente in utero. Tale sanguinamento comporta un’irritazione dei tessuti circostanti, che dà luogo alla formazione di tessuto cicatriziale e di aderenze. [Cit. Wikipedia].

Adesso che abbiamo una spiegazione scientifica passiamo alla spiegazione per tutt* i comuni mortali.

L’endometriosi è una MALATTIA, purtroppo non sempre riconosciuta dalle regioni italiane, che provoca dei forti dolori alla pancia perchè vi è un tessuto che riveste l’utero che provoca dei sanguinamenti interni, infiammazioni e il rischio di infertilità.

1.jpg

Sempre più spesso si sente che, chi ha questa malattia, rischia di non avere figli. E’ una delle prime cose che dicono i medici.

L’endometriosi si divide in 4 stadi (thank you Wikipedia, di nuovo!):

  • Endometriosi sottile: caratterizzata da piccole lesioni superficiali di 2-3 mm a forma vescicolare o di piccola fiamma;
  • Endometriosi tipica: si contraddistingue per delle lesioni superficiale nere, definite solitamente “powder burn” o “gun shot”, con dimensioni variabili da 1 a 3 cm; probabilità di infertilità pari al 50% dei casi;
  • Endometriosi cistica:  è formata da “cisti cioccolato”, situate nelle ovaie, grandi fino a 10 cm; probabilità di infertilità pari al 75% dei casi;
  • Endometriosi profonda presenta dei noduli, grandi da 1 cm fino a 5-6 cm; probabilità di infertilità pari al 95% dei casi;

Curare questa malattia non è così semplice e spesso bisogna ricorrere all’intervento chirurgico. La “buona notizia” è che l’endometriosi non è degenerativa nè recidiva quindi, se l’operazione chirurgica viene effettuata correttamente, il problema si può risolvere.

Le terapie, ad oggi, ancora sono in fase sperimentale e purtroppo non c’è una cura definitiva che possa curare la malattia senza ricorrere all’intervento. In ogni caso quelle  farmacologiche più adoperate sono le seguenti:

  • terapia del dolore attraverso la prescrizione dei FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei) o per noi comun* mortal* i classici anti-infiammatori e analgesici;
  • prescrizione dei GnRHGonadotropin Releasing Hormone ormone di rilascio delle gonadotropine) che consentono la riduzione degli estrogeni provocando una menopausa artificiale e temporanea. Purtroppo creano degli effetti collaterali classici della menopausa, quindi vampate di calore, aumento del peso, perdita del calcio, sudorazione notturna e instabilità emotiva. E’ importante che questa terapia non superi i 6 mesi;
  • prescrizione della pillola anticoncezionale, anello vaginale, spirale che come effetti collaterali possono dare  nausea, cefalea, secchezza vaginale, calo del desiderio. (Per saperne di più sugli anticoncezionali leggi l’articolo Parliamo di contraccezioni e non solo scritto dalla mia collega Giulia e pubblicato sul nostro blog);
  • prescrizione di androgeni quali il gestrinone e il danazolo. Gli effetti collaterali sono l’acne, la seborrea, i capelli e pelle unta e l’aumento del peso;
  • prescrizione del Dienogest, che associato agli estrogeni è utilizzato a scopo contraccettivo.

Di interventi chirurgici esistono due tipi:

  • la laparoscopia, che consiste nella pratica di 3-4 fori sull’addome per inserimento degli strumenti chirurgici affinchè si possa esplorare la cavità addominale e si possano individuare isole endometriosiche, cisti o noduli. Se sono ben visibili, si procede all’eliminazione e si preleva il materiale per la biopsia. E’ prevista una degenza di massimo 3 giorni in ospedale e le cicatrici restano piccole e poco visibili;
  • La laparotomia,  è un intervento decisamente più invasivo rispetto alla laparsocopia. Viene praticata in caso in cui le lesioni e le aderenze siano più estese incidendo orizzontalmente all’altezza del pube. I tempi di degeneza in ospedale sono più lunghi e la cicatrice è ovviamente più visibile e più grande.

Si stima, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità che i casi di endometriosi al mondo siano 150milioni, in Europa 14milioni, in Italia 3milioni. Solo negli ultimi anni, in Italia, questa malattia è stata riconosciuta come cronica e quindi, solo da poco è possibile usufruire dell’esenzione di alcune prestazioni specialistiche di controllo (eseguite in genere ogni 6 mesi) e delle ecografie necessarie, come quella dell’addome superiore e inferiore, quella transvaginale o transrettale. Non tutto però viene passato. Non sempre è riconosciuta dalle regioni e purtroppo, per tanta ignoranza, molte persone non la considerano una malattia.

Quante volte vi siete sentite dire:

“quanto la fai lunga per un po’ di dolore?”; “fai poche lagne, tutte ce lo abbiamo, non essere lamentona!”; “voi donne ve ne approfittate, dite che avete le mestruazioni per non fare le cose!”; “non si è mai visto che una donna non riesca ad alzarsi da letto per le mestruazioni, prendi un antidolorifico e vai a scuola/lavoro”. 

Ecco non ci siamo! Passiamo per pazze, per ipocondriache, per noiose, per lamentone, per antipatiche. Non tutte le donne soffrono per le mestruazioni, non tutte le donne che soffrono per le mestruazioni hanno l’endometriosi, ma il 99% dei casi in cui le donne hanno l’endometriosi, soffrono, e anche tanto! Mettetevelo bene in testa! E se non soffrono, perchè sono asintomatiche, hanno comunque bisogno di cure! 

Eppure, e questo per sentito dire, pare che in alcune regioni italiane, tutto ciò che riguarda l’endometriosi è a pagamento. Infatti solo chi è al III/IV stadio della malattia riceve l’esenzione per alcuni esami specifici. Ma solo alcuni. Per il resto, donne, attaccatevi al tram, perchè qui in Italia, si paga tutto! La cosa assurda, è che se l’esenzione vale per la regione di residenza, non vale per le altre regioni.

Vi lascio qui i link per alcuni centri specializzati per l’endometriosi.

Tanto per capire di cosa si tratta ho trovato alcune testimonianze sul web:

La storia di Sara

La storia di Maria Grazia

105 testimonianze

Testimonianze di La Stampa

Ho voluto linkarle per farvi capire che l’endometriosi si sviluppa in vari modi. A volte può sembrare appendice, a volte un problema al rene, a volte solo mal di pancia.

Per questo vi chiedo, al primo sintomo, alla prima preoccupazione, di farvi controllare immediatamente.

 

 

0e882abea90674467309dc1c2ed42bfc

 

 

A cura di Valentina R.

Fonti:

Wikipedia

Organizzazione Mondiale della Sanità

Facebook

La Stampa

Dietagrupposanguigno.net

Pianeta Mamma

Io ho l’endometriosi

 

Annunci

Centri Antiviolenza – Un aiuto per le donne vittime di violenza

31444915_10214095520536069_1592783076918820864_n

Voglio partire con questa immagine. La più significativa.

Il numero 1522 è stato istituito dal Dipartimento delle Pari Opportunità affinché possa essere da sostegno per tutte quelle donne che subiscono abusi o violenze e hanno bisogno di aiuto.

Non abbiate paura a chiamarlo. Pensate a voi stesse. Alla vostra vita. Alla vita dei vostri figli o delle vostre figlie se ne avete.

Potrei continuare a scrivere altre migliaia di parole per cercare di convincervi a fare questo passo. Cercare di convincervi a denunciare chi vi maltratta, chi abusa di voi, chi vi picchia, chi vi ferisce, chi non vi dà via di scampo. Ma mi limiterò a dirvi che C’E’ UNA VIA DI SCAMPO. 

Ho pensato a lungo prima di scrivere questo articolo. Forse non trovavo le parole adatte. Forse non sapevo se questo articolo potesse essere d’aiuto a qualcun*. Si ha sempre un po’ paura perché mettere alla mercé di tutti il proprio passato, le proprie miserie, è destabilizzante.

Chi è fortunat* nella vita, non vede il dolore e lo spavento negli occhi di una madre che viene maltrattata o picchiata. Non conosce la paura quando i genitori litigano e urlano.

E’ solo una litigata.

Tutto finirà.

I mobili non verranno distrutti.

Non ci sarà sangue da ripulire.

Non ci sarà da correre in ospedale o alla prima guardia medica.

Non sarà una notte insonne.

I genitori si vogliono bene e nessuno farà del male all’altr*. 

Poi c’è chi invece questo terrore lo conosce. E lo conosce bene. E a distanza di anni, se lo ricorda. Rientra nella mente come un brutto sogno. Con il tempo i ricordi si affievoliscono, fa tutto meno male. Ma lo sguardo della madre che prende le botte, no. Quello non si scorda. E allora capisci che qualcosa è da cambiare. E che si può cambiare. Nella propria vita e nella vita delle altre persone.

E quindi cosa sono due ore della tua vita passate a fare ricerche sui siti internet per poter cercare, quanto meno, di aiutare qualcuno?

Fra pochi giorni sarà la festa della mamma. La mia mamma. Colei che mi ha aiutata a crescere nonostante le difficoltà. Colei che mi è stata accanto e ha fatto sacrifici. Colei che mi ha fatto studiare per diventare quella che sono. Colei che ha asciugato le mie lacrime trattenendosi dal pianto. Colei che “dai Vale, siamo una squadra, non ti arrendere, siamo forti, andrà tutto bene!”. Piangendo. Colei che “tu lei non la tocchi” e il pugno in pieno viso lo ha preso lei, al posto mio. Colei che “tuo padre ti vuole comunque bene, la decisione sta solo a te”. E io che mio padre l’ho perdonato, nonostante i suoi errori, parlandoci, cercando le sue scuse, vere, sincere, e ritornando a vivere un passo alla volta.

Queste parole sono per mia madre,

il mio orgoglio.

Ho tenuto nascosta questa cosa per tanto tempo. Mi vergognavo delle mie miserie, mi vergognavo del mio passato, di cosa era successo, di tutte quelle cose brutte che non riuscivo a raccontare. Ma se non tenerla per me può aiutare altre persone a capire che SI PUO’ CAMBIARE LE COSE, allora va bene, mi spoglio del mio passato, senza vittimizzarmi, senza vittimizzare mia madre. E’ stato quello che è stato. E’ successo quello che è successo, ma le cose sono cambiate.

E se non riesce a farlo vostra madre, fatelo voi figli e figlie. Cercate aiuto. Non chiudetevi nel vostro guscio. Parlate, denunciate, urlate.

Non vergognatevi! MAI! 

E allora, come possono cambiare le cose? Possono cambiare solo chiedendo aiuto. Ogni caso è a sè, ogni violenza anche. Siamo tutt* esseri umani, non abbiamo super poteri, quindi non possiamo fare tutto da sol*.

Dal sito D.i.R.e si possono raccogliere tutte le informazioni necessarie. Vi consiglio vivamente di consultare questo sito affinché possiate trovare tutte le informazioni necessarie.

In caso di pericolo immediato o di violenza subita è importante rivolgersi sempre alle Forze dell’Ordine, al Pronto Intervento o a un Centro Antiviolenza e se vuoi donne non riuscite a farlo, chiedete che qualcuno lo faccia per voi. Se i vostri figli e le vostre figlie sono piccol* e quindi non autonomi cercate di tenerli con voi e aspettate l’arrivo delle Forze dell’Ordine.

 

Non abbiate paura di cambiare vita.

Cambiamento non vuol dire peggiorare la situazione.

I numeri utili da chiamare in caso di violenza sono:

Carabinieri – 112

Polizia di stato – 113

Ambulanza – 118

Centro antiviolenza – 1522

Sappiate che il 1522, come tutti gli altri numeri, sono attivi 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno e sono gratuiti. Il 1522 ha operatori e operatrici che parlano anche le lingue straniere tra cui l’inglese, il francese, lo spagnolo e l’arabo. Ha una funzione di primo ascolto e primo orientamento per la violenza di genere e stalking. Vi potrà fornire informazioni utili su come muovervi e cosa fare sul territorio nazionale italiano.

Una cosa importante è che non importa denunciare per forza nella città o nel paese in cui vivete. A volte capita che le donne non vogliano denunciare per vergogna, e per paura di ripercussioni. Se abitate in Sicilia, potete denunciare anche ad Aosta. La validità è per tutto il territorio nazionale.

Sappiate che si può denunciare fino a 3 mesi dopo l’accaduto. Avete tempo per pensarci, l’importante è che siate abbastanza astute da tenervi le prove. Se venite picchiate o ci sono degli abusi sessuali, è necessario andare al pronto soccorso e avere il referto medico.

In questo LINK troverete tutte le azioni legali che potete utilizzare in caso di violenza o stalking.

Se non avete reddito, se non potete affrontare le spese legali o mantenervi, non abbiate paura. I centri antiviolenza servono anche a questo. Rivolgetevi a loro, avrete tutte le consulenze che vi servono e loro vi spiegheranno come fare. Lo stato italiano, prevede il gratuito patrocinio per le spese legali. Basterà fare domanda.

Sempre sul sito D.i.R.e. c’è un test che riporto integralmente. Vi servirà a capire se la vostra relazione non è sana e quindi siete a rischio violenza. Se risponderete SI’ alla maggior parte delle domande, chiamate il 1522:

Ripensa alla tua attuale o passata relazione amorosa e rispondi alle domande qui sotto.

Vuole sempre sapere cosa stai facendo, dove ti trovi e con chi stai?

Controlla il tuo telefono o accede al tuo account di facebook, twitter?

Ti impedisce di lavorare e/o studiare, o di coltivare qualche hobby?

Controlla se e come spendi i tuoi soldi, o pretende di gestirli?

Ti insulta, critica sempre i tuoi comportamenti o scredita tutto ciò che fai?

E’ violento fisicamente? Ti ha mai colpito, preso a schiaffi, calci e/o pugni?

Ti impedisce di mantenere i rapporti con i tuoi amici, amiche, colleghi/e di lavoro e/o familiari?

Minaccia di fare del male a te e/o alle persone a te care?

Se siete a conoscenza di una violenza o di un abuso subito da una vostra amica o una vostra parente, cercate di starle vicina. Ma soprattutto NON GIUDICATELA, qualsiasi sia la sua decisione. Cercate di farla parlare e ma soprattutto ASCOLTATELA. NON imponete i vostri consigli. Basta un “ti capisco”, e “sii forte”. Il coraggio di denunciare e di cambiare vita viene da dentro, non si può imporre.

Non mi stancherò mai di ripeterlo, non mi stancherò mai di dirlo:

L’amore non è possesso. 

Ne ha parlato la mia collega nell’articolo al link riportato sopra.

Non abbiate paura. FATELO PER VOI E PER CHI VI VUOLE DAVVERO BENE.

Vi lascio il link con tutti i CENTRI ANTIVIOLENZA d’Italia e d’Europa.

Se volete saperne di più vi consiglio di leggere altri due articoli importanti:

Ripercussioni psicologiche della violenza domestica sulle donne e

I tipi di violenza contro le donne

Un abbraccio sincero.

Valentina R.

 

Fonti:

D.i.R.e.

Ministero della giustizia

 

 

 

Evento culturale “Non Med: percorsi transgender non medicalizzati”

slide1.jpg

Domenica 8 aprile 2018 ho partecipato all’evento culturale “Non Med: percorsi transgender non medicalizzati” e ringrazio Nathan Bonnì per avermi invitata. Ritengo sia un tema fondamentale nel percorso dell’abbattimento di ogni discriminazione verso il raggiungimento di pari diritti e pari dignità per ogni persona e che quindi debba avere la massima diffusione. Per questo ci tengo a scrivere questo pezzo con gli interventi che sono stati fatti all’evento, sperando se ne parli sempre di più.

Continua a leggere

Il ruolo della donna nel Regno dell’Arabia Saudita. Ecco cosa non possono fare.

Vivere in Arabia Saudita non è semplice. Purtroppo è risaputo. Essere donne in Arabia Saudita, tanto meno.

La forma  di governo prevista nel Regno dell’Arabia Saudita è la monarchia assoluta ed è uno dei pochi paesi al mondo a non avere un parlamento. Le leggi emanate dal governo si basano sulla religione islamica seguendo i principi della Sharīʿa,  e della Sunna. La Sharīʿa è applicata da tribunali coranici. Ciò implica l’esistenza della polizia religiosa che obbliga i sudditi a vivere secondo le leggi islamiche e impone loro un comportamento decoroso nei confronti dell’Islam. Decoroso per me è una parola forte. In un paese occidentale come il nostro, il significato di questa parola non è lo stesso per loro.

La pressione della religione islamica e l’insieme dei dogmi da seguire lasciano poco spazio ai diritti civili in generale e quelli delle donne valgono esattamente la metà di quelli dell’ uomo; la forte struttura patriarcale del paese ha imposto delle regole molto rigide che non lasciano libertà di espressione e di vita a chi nasce donna in questo paese.

Parliamo di un paese in cui molte libertà fondamentali presenti nella dichiarazione universale dei diritti dell’uomo non esistono; parliamo di un paese in cui sono previste pene corporali e pena di morte spesso applicate senza un regolare processo; parliamo di un paese in cui le minoranze religiose e politiche sono oppresse, così come le donne e gli omosessuali.

Sembra infinita la lista delle cose che non possono fare le donne. Ricercando in molti siti ne scovo ogni volta sempre una in più. Le ho quindi raccolte per fare chiarezza e per denunciare questa ingiustizia.

1

Cosa non possono fare le donne: 

  • Lavorare. Infatti le donne sono rilegate ai lavori domestici e all’accudimento dei figli. Possono lavorare solo se vi è l’autorizzazione del tutore (maschio ovviamente). Fortunatamente questa cosa sta cambiando. Si calcola infatti che almeno il 16% delle donne ha un impiego.
  • Uscire da sole. Devono sempre essere accompagnate da un uomo, un tutore, o chi ne fa le veci.
  • Guidare se non si è compiuto 40 anni (legge entrata in vigore  26 settembre 2017). In ogni caso, considerando che le donne non possono uscire da sole, devono essere sempre accompagnate da un familiare (uomo). Prima dell’emanazione di questa legge se una donna provava a guidare rischiava 10 frustate
  • Usare abiti occidentali. In Arabia Saudita è previsto per le donne saudite l’uso del burqa. Devono essere completamente coperte, anche i piedi.
  • Le donne non possono provare gli abiti nei negozi. Devono comprarli e provarli a casa. Il motivo è semplice. Le donne non possono lavorare nei negozi (perchè frequentati anche dagli uomini), quindi a servirle è un commesso. Vi immaginate lo scandalo ?
  • Segregazione: non possono frequentare posti in cui vi siano anche gli uomini. Vige la norma che i locali siano separati in base al sesso. Infatti i ristoranti sono divisi in due sezioni: una per gli uomini e una per la famiglia in cui possono accedere anche le donne.
  • Ricevere trattamenti medici non urgenti. Sì, per una donna è impossibile effettuare un intervento o anche solo una visita se non vi è il permesso del tutore
  • Praticare uno sport agonistico. Sebbene sia stata concessa questa opportunità nel 2012 alle Olimpiadi di Londra, quando due donne hanno gareggiato nel judo e nell’atletica. Evento storico e non ripetuto. Fortunatamente, solo ultimamente, le donne possono fare sport a livello scolastico. Prima era considerato haram perchè il sudore è sporco
  • Aprire un conto corrente bancario. La donna, considerata meno intelligente non può avere il proprio denaro e gestirlo.
  • Viaggiare. Il passaporto e la carta d’identità sono rilasciate solo dopo il permesso del tutore. In ogni caso non possono viaggiare da sole.
  • Avere un processo equo. Le donne valgono esattamente la metà degli uomini. Un esempio è l’eredità. In questo caso le donne possono ricevere solo la metà degli uomini. Anche in caso di testimonianza in Tribunale la loro testimonianza vale la metà. Quindi in caso di testimonianza contro un uomo occorrono 3 donne per superare quella di un uomo.
  • Decidere di sposarsi. Infatti spetta al padre o al tutore la scelta di donarla in sposa. Inoltre, se vogliono sposarsi con uno straniero devono chiedere l’approvazione del ministero degli interni. Inutile aggiungere, ahimè, che il matrimonio con i non musulmani è praticamente impossibile.
  • Divorziare. Anche in questo caso hanno bisogno di un permesso da parte di un uomo.
  • Avere la custodia dei figli. Le donne infatti, in caso di divorzio possono far crescere i figli maschi fino all’età di 7 anni e le figlie femmine fino al raggiungimento dei 9 anni. Dopodiché devono vivere con il padre.
  • Abortire. L’aborto è severamente vietato. Non si può abortire: su richiesta, per fattori socio economici, per anomalie del feto e e per stupro. Vi sono limitazioni in caso di aborto per salute fisica e mentale (Fonte)

Questo cartone animato, già condiviso sulla nostra pagina a suo tempo, mostra in modo chiaro la posizione della donna in questo paese.

A cura di Valentina R.

Fonti:

Wikipedia – Diritti umani in Arabia Saudita

Interlex

Il sole 24ore

Huffingtonpost – Diritti delle donne in Arabia Saudita

L’antidiplomatico

Agi

Wikipedia – legislazioni sull’aborto

Businessinsider

 

Calendario Intersezionale di Bossy

UA

Da oggi esce sul sito bossy.it/shop il nuovo e stupendo calendario intersezionale di Bossy, che sarà diverso da tutti i calendari che abbiate mai visto.

Siete curios*?! 😀

IMG_9967.JPG

Si tratta di un calendario incentrato sui temi del femminismo intersezionale ed è composto da 12 illustrazioni di 12 artist*, italian* e stranier*, che hanno contribuito a rappresentare, per ogni mese, un tema specifico, ovvero:

  • omocausto;
  • salute della vagina;
  • comunità transgender;
  • gender pay gap;
  • bullismo;
  • gay pride;
  • femminismo intersezionale;
  • body positivity;
  • machismo;
  • slut shaming;
  • violenza contro le donne;
  • prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

 

44B58E1A-76AB-4909-84CB-0C4E9A4A1600.jpg

L’innovazione è che non saranno presenti solo le ricorrenze che troverete in ogni calendario, ma anche tutte le date più significative per il femminismo e la comunità LGBTQIA.

Come ben sapete, questi sono esattamente i temi che trattiamo anche noi nella nostra pagina ed è per questo che siamo onorate di essere state scelte come media partner di questo progetto, insieme ad altre realtà come Allah Loves Equality, Doppio Standard, Progetto GenderQueer, Parte del Discorso, St*r Fish, Women’s March che, come noi fanno del cambiamento un elemento quotidiano.

Sabato 23 sera siamo state alla presentazione del calendario e abbiamo potuto conoscere persone splendide che si impegnano ogni giorno a condividere l’importanza della condivisione dei principi del femminismo inclusivo.

Una parola la vogliamo dedicare anche a Francesca e Chiara di Cibo Supersonico che ci hanno nutrito l’anima con i loro manicaretti vegani e le loro parole.

img_9968.jpg

Siamo convinte che l’unione faccia la forza e non ci stancheremo mai di promuovere e diffondere questi temi affinché il cambiamento avvenga realmente!

Avanti così !

IMG_9966 (1).jpg

Le cose Cambiano”, Monica Romano

Giulia & Valentina

 

Moonlight

MOONLIGHT-QUOTEPOSTER-WEB.jpg

Un film assoluto che tutt* dovremmo vedere. Basato sull’opera teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin McCraney, candidato a 8 premi Oscar e vincitore del Golden Globe è un film completo che non può passare in sordina. Un film da vedere e da godere a pieno.

Ho aspettato a gloria l’uscita di questo film, ero curiosa e entusiasta.

Uno di quei film che non ti scordi, che ti riempie di domande ma che allo stesso tempo ti risponde, lasciandoti un senso di speranza per il futuro, ma di angoscia, per il mondo malato in cui viviamo.

Un mondo fatto di rabbia, di cattiveria, di bullismo, di non accettazione del prossimo e di se stessi.

Finito il film la prima cosa che ho pensato è stata: perchè sentiamo così tanto il bisogno di definire noi stessi? Perchè dobbiamo definirci bianchi, neri, etero, gay… Siamo persone, e l’unica definizione che dovremmo dare è che siamo persone.

Moonlight è un film completo. Il ragazzo, Chiron, raccontato in tre fasi della sua vita, si trova a combattere con una madre tossicodipendente, compagni di scuola bulli che lo picchiano perchè è diverso, perchè non è conforme alla società.

Lui non vuole definirsi, ma gli altri glie lo impongono.

“Cosa vuol dire frocio?”.

Un bambino non sa cosa voglia dire essere gay . Si sente così per natura. E’ il suo essere che non dovrebbe essere definito.

Non voglio spoilerare, ma sottolineo una frase del trailer:

Ad un certo punto dovrai decidere da solo chi diventare, non lasciare che qualcuno decida per te

Ci vuole coraggio per sentirsi liberi dai pregiudizi della gente.

Ci vuole coraggio per vivere la propria vita.

 

 

Valentina R.