Evento di Bossy – Violenza contro le donne: parliamone con gli uomini con Lorenzo Gasparrini

IMG_1047.jpg

Ieri sera sono stata a questo evento organizzato da Bossy , associazione che si occupa di parità e di femminismo intersezionale, dove era stato invitato come relatore Lorenzo Gasparrini, autore del libro “Diventare Uomini: relazioni maschili senza oppressioni” e del blog “Questo Uomo no”.

Ho deciso di parlarne perché è stato un incontro veramente interessante, inclusivo e intersezionale e soprattutto perché la stanza era piena, veramente piena di ragazzi e ragazze. Questo mi dà un barlume di speranza per il futuro, le cose cambiano 🙂

Continua a leggere

Annunci

Il ruolo della donna nel Regno dell’Arabia Saudita. Ecco cosa non possono fare.

Vivere in Arabia Saudita non è semplice. Purtroppo è risaputo. Essere donne in Arabia Saudita, tanto meno.

La forma  di governo prevista nel Regno dell’Arabia Saudita è la monarchia assoluta ed è uno dei pochi paesi al mondo a non avere un parlamento. Le leggi emanate dal governo si basano sulla religione islamica seguendo i principi della Sharīʿa,  e della Sunna. La Sharīʿa è applicata da tribunali coranici. Ciò implica l’esistenza della polizia religiosa che obbliga i sudditi a vivere secondo le leggi islamiche e impone loro un comportamento decoroso nei confronti dell’Islam. Decoroso per me è una parola forte. In un paese occidentale come il nostro, il significato di questa parola non è lo stesso per loro.

La pressione della religione islamica e l’insieme dei dogmi da seguire lasciano poco spazio ai diritti civili in generale e quelli delle donne valgono esattamente la metà di quelli dell’ uomo; la forte struttura patriarcale del paese ha imposto delle regole molto rigide che non lasciano libertà di espressione e di vita a chi nasce donna in questo paese.

Continua a leggere

GENDER PAY GAP in Europa e in Italia

14485495499125-finestra-europa

Se ne è sentito parlare spesso ultimamente, sottolineando che in in media, in Europa, le donne percepiscono uno stipendio inferiore del 16% rispetto agli uomini.

Non è purtroppo una novità. Le donne, sin dai tempi storici, sono sempre state pagate di meno. Basti pensare che ai tempi della seconda guerra mondiale, quando gli uomini erano chiamati nell’esercito (o partivano per unirsi ai partigiani), e le donne quindi dovevano occuparsi della famiglia anche a livello economico, cominciarono a lavorare nelle fabbriche al posto dei mariti percependo uno stipendio nettamente inferiore rispetto ai primi, solo in quanto donne.

Purtroppo non molto è cambiato (non in tutte le realtà, fortunatamente).

Ma andiamo per gradi.

Continua a leggere