I moti di Stonewall – l’inizio della strada verso la libertà

 

19424009_654423918102280_5738076980176618018_n
Ci troviamo al “Stonewall Inn”, un pub nel Greenwich village, sono le 1:20 di notte di venerdì 27 giugno 1969, quando la polizia irruppe per l’ennesima volta nel pub con violenza.

Era una prassi ormai assodata.

Continua a leggere

Annunci

I meravigliosi disegni di Carol Rossetti

Carol Rossetti è una disegnatrice e illustratrice brasiliana che ha iniziato il progetto “Mulheres” (Women) per rappresentare dei chiari e semplici esempi di abbattimento di stereotipi quotidiani.

Lei stessa, sul sito, dice:

Quando volevo trovare un tema, ho optato per l’intersezionalità perché è qualcosa che riconosco come un problema personale.

Mi hanno sempre disturbato i costanti tentativi sociali di controllare i corpi delle donne, i comportamenti e le identità. Questo controllo fa così profondamente parte della nostra cultura che quasi non comprendiamo quanto sia crudele e quanto limita le nostre scelte personali.

Tuttavia, non credo che sia sufficiente discutere esclusivamente le questioni che colpiscono specificatamente le donne. Dobbiamo anche parlare di razzismo, omofobia, transfobia, classicismo, xenofobia e discriminazione delle disabilità.

La lotta per l’uguaglianza e il rispetto è molto ampia e dovrebbe essere inclusiva.

Non tutte le situazioni che disegno sono vissute esclusivamente da donne. Molte di loro possono essere vissute da qualunque essere umano e invito tutti gli uomini a identificarcisi. Questo non è un progetto esclusivo per le donne e non riguarda contemporaneamente tutte le donne.

La decisione di attirare solo le donne è stata in parte motivata da un’identificazione personale. Ma d’altra parte, mi sembra interessante suscitare negli uomini la possibilità di identificarsi con i personaggi femminili.

Ricordo che quando ero più giovane era comune che i film / libri / animazioni interpretati da personaggi femminili venivano considerati “per ragazze”, mentre le storie con personaggi maschili erano “per tutti/e”.

Il fatto che le mie protagoniste siano donne non fa che questo sia un progetto solo “per le ragazze”.

Continua a leggere