Pubblicità De-Genere – Tesina di Maturità di Chiara

Condividiamo con orgoglio ed immenso piacere la tesina di Maturità di Chiara che segue la nostra pagina da un po’ e che ha fatto davvero un ottimo lavoro, nonostante tutte le difficoltà! Si, perché parlare di femminismo e di parità non è scontato! Soprattutto ad un età in cui le priorità, di solito, sono ben altre. Pensiamo che Chiara sia stata molto molto coraggiosa, perché sì! Ci vuole coraggio e determinazione per non seguire la massa e pensare con la propria testa!

Quindi ancora congratulazioni Chiara, bravissima! Continua così! Perchè sono proprio le persone come te che ci fanno pensare che ci sia una speranza per il futuro!

Ciao Chiara, fra poco l’esame di maturità, in cosa ti diplomi? Ti senti pronta?

Ciao! Mi diplomo in grafica pubblicitaria, e sì, mi sento pronta.

Abbiamo visto la tua magnifica tesina, ne siamo rimaste davvero colpite, da dove è partita l’idea?

L’idea è partita dalla mia prima idea per la tesina, avevo pensato di parlare di femminismo e concentrarmi sulla donna nella pubblicità, ma documentandomi un po’ questo mi sembrava un argomento più interessante.

Visto la tua giovane età siamo rimaste estasiate da come è ben fatta e da quanta passione ci hai messo, davvero complimenti, quali sono i tuoi ideali? Come li hai sviluppati?

Non so precisamente come mi sia trovata a provare interesse per questi argomenti, ho sempre pensato che essere tutti alla pari fosse una cosa normale, niente di straordinario, e quando mi sono resa conto che le cose non stanno come sarebbe giusto che fossero ho iniziato sul serio a documentarmi sull’argomento e a seguire la cosa. E’ semplicemente sempre stato così: ho sempre creduto nell’uguaglianza, nei pari diritti e responsabilità.

Cosa ti aspetti dal futuro? Che lavoro vorresti fare finiti gli studi?

Per i prossimi tre, forse cinque anni, ho intenzione di proseguire gli studi di comunicazione pubblicitaria, incentrandoli però sulla moda, in seguito mi piacerebbe diventare Art Director, ma in realtà le cose potrebbero cambiare, sono anche molto interessata al giornalismo.

Secondo te, l’Italia, ha buone possibilità di cambiare?

Sinceramente, non lo so; credo che la mia generazione e quelle precedenti abbiano buone possibilità di portare avanti ideali diversi, credo anche però che l’Italia sia un paese fortemente sessista e patriarcale, e non so quando e quanto riusciremo a sradicare questa cultura.

Cosa è per te il femminismo? C’è qualcosa che ti appassiona di più rispetto agli altri temi di cui si occupa il femminismo?

Femminismo per me significa uguaglianza, in ogni ambito e senso; significa che non vorrei dover lottare più di un uomo per diventare CEO di un’impresa, significa poter scegliere, senza pregiudizi, cosa fare del mio corpo e della mia vita (sì, anche sessuale), significa non essere etichettata come “troia” per il mio modo di vestire o per mio atteggiamento verso l’altro sesso. Femminismo, per me, significa libertà di essere e esprimere me stessa.

In un mondo maschilista (ahimè) come il nostro, hai incontrato difficoltà nello svolgere questa tesina? I tuoi compagni sono stati solidali? E i professori?

La scrittura di questa tesina (e l’aver messo, quindi, nero su bianco i miei ideali) mi ha portato non pochi problemi: in primis, sono stata definita “estremista”, in seguito, mi hanno spesso guardata storto mentre spiegavo quello che volevo trattare, le tematiche, il fatto che non esista un solo genere in cui identificarsi (genderCHE?!), alcuni miei compagni non si sono mai interessati a quello su cui stavo lavorando, come del resto io ho fatto con i loro progetti, altri hanno detto di capire l’argomento, ma non credo condividessero l’ideale, e non penso neanche di avergli fatto cambiare idea. Per quanto riguarda i professori, alcuni sono stati semplicemente fantastici, mi hanno aiutata e consigliata, sostenendo il progetto, altri hanno cercato in tutti i modi di farmi cambiare idea, uno ha addirittura cercato di convincermi del fatto che se la pubblicità è come è allora è giusto che sia così, che la commissione poteva mangiarmi viva. Non è sicuramente stato un progetto semplice da portare avanti.

Non ci resta quindi che pubblicare pubblichiamo l’anteprima con le immagini e qui potete trovare il PDF .

c715aca2-(1)-1-1-001

c715aca2-(1)-2-2-001

c715aca2-(1)-3-3-001

c715aca2-(1)-4-4-001

c715aca2-(1)-5-5-001

c715aca2-(1)-6-6-001

c715aca2-(1)-7-7-001

c715aca2-(1)-8-8-001

c715aca2-(1)-9-9-001

c715aca2-(1)-10-10-001

c715aca2-(1)-11-11-001

c715aca2-(1)-12-12-001

c715aca2-(1)-13-13-001

c715aca2-(1)-14-14-001

c715aca2-(1)-15-15-001

c715aca2-(1)-16-16-001

c715aca2-(1)-17-17-001

c715aca2-(1)-18-18-001

c715aca2-(1)-19-19-001

c715aca2-(1)-20-20-001

c715aca2-(1)-21-21-001

c715aca2-(1)-22-22-001

c715aca2-(1)-23-23-001

c715aca2-(1)-24-24-001

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...