Emma Bonino – 20 Maggio Insieme Senza Muri

milano-bonino

Grazie, grazie ovviamente a tutti voi.

Questo è il tipo di piazza che mi piace, in cui ci sente a casa, dove ci sono dai bambini alla nonna. Quelli che invece hanno detto “andrà in piazza la Milano chic e ricca”. Io invece vi dico grazie per esse venuti perché certo sta sfilando la Milano dell’innovazione ma anche e della legalità. La sicurezza ovviamente interessa anche a noi, interessa tutti, è un diritto dei cittadini.

Ma più integrazione, più legalità danno più sicurezza.

Non sono davvero i muri, gli insulti, le bugie che daranno più sicurezza a tutti ma l’integrazione e la capacità di vivere insieme in rispetto reciproco. E mi piacerebbe anche che questa bellissima giornata non finisse qua, nel senso che come sapete e come siamo tutti d’accordo dobbiamo superare la Bossi—Fini ea abbiamo lanciato con centinaia di consultazioni una proposta di iniziativa popolari e servono le firme, se vi muovete un attimo troverete dei coraggiosi banchetti che stanno lì come gli amanuensi dell’800 ad aspettare le vostre firme. Ne servono tante in un momento difficile ma non andate a casa senza aver dato un senso alla vostra presenza, un senso per il domani per continuare a lottare, per dire non solo “è stato bello” ma per dire “sarà impegnativo anche domani, dopodomani e il mese prossimo”: non ci arrenderemo!

Ma per non arrenderci abbiamo bisogno di strumenti e questa campagna di iniziativa popolare è lo strumento che ci e vi serve per cui, per pietà, fatevi un regalo: mettete questa firma. Fatelo per voi, per il vostro futuro. Milano oggi esprime quello che sarà il futuro del paese, piaccia o non piaccia, e lo fa come sempre qualche tempo più avanti con una certa lungimiranza.

Gli insulti non finiranno, fatevene una ragione, le bugie neppure fatevene altrettanto una ragione. Ma a queste va contrapposta la nostra durata, la nostra convinzione, la nostra forza che vivere insieme si può e lo dobbiamo assolutamente provare.

E finisco per dire, e non me ne vergogno, che dobbiamo essere consapevoli che non sono atti di carità, di queste persone ne abbiamo bisogno. Queste persone lavorano nelle nostre case, nelle nostre famiglie, i bambini vanno a scuola con i nostri bambini, in agricoltura se non ci fossero loro non si raccoglierebbe manco un pomodoro e nelle costruzioni se non ci fossero loro non si troverebbe nemmeno un idraulico.

Allora, vediamo di smetterla con le bugie e con gli stereotipi! Non è vero che rubano il mestiere agli italiani è che dobbiamo imparare in questa mobilità globale a rimanere umani! Questo ci ha insegnato in Europa, la legge, legalità e l’umanità fanno bene!

E’ un nuovo mondo che sì apre, perché noi siamo stati per decenni emigranti e non eravamo abituati ad avere immigrati ma ognuna famiglia ha un esperienza di un nonno o di un parente che se n’è andato per cercare fortuna da un’altra parte. Quindi sappiamo cosa vuol dire. E facciamocene una ragione ma facciamo in modo che sia una realtà, non solo tollerante, legale, gioiosa e rispettosa delle culture di ciascuno nella legge, perché la legge deve valere per tutti, anche agli italiani vorrei dire.

Sono una un po’ pratica, ma se in questa piazza vi prendeste il tempo di firmare tutti avremmo già finita la campagna e potremmo già passare alla seconda fase di questa campagna che sarà la nostra, per un’Italia diversa!

Grazie a tutti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...