Judith, la sorella di William Shakespeare

10993399_319967178214624_2576386154637529694_n

” …Infatti è un perenne rebus che non ci sia stata una sola donna a scrivere una sola parola in quella straordinaria letteratura (ndr. in Inghilterra ai tempi di Elisabetta); un un’epoca in cui la metà degli uomini, a quanto si direbbe, era capace di scrivere almeno una canzone o un sonetto.

[…] Ad ogni modo non potevo non pensare, mentre guardavo le opere di Shakespeare nello scaffale, che almeno in questo il vescovo aveva avuto ragione; sarebbe stato impossibile, completamente e interamente impossibile che una donna scrivesse nell’epoca di Shakespeare le opere di Shakespeare.

Immaginiamo, giacché ci riesce così difficile conoscere la realtà, che cosa sarebbe successo se Shakespeare avesse avuto una sorella meravigliosamente dotata, chiamata Judith, diciamo.

Continua a leggere

Tu Non Sei Una Pari -Dina Leygerman

dina-leygerman

Tu Non Sei Una Pari. Mi dispiace.

C’e’ un post che sta facendo il giro dei social media, in risposta alla Marcia delle Donne di Sabato 21 Gennaio, 2017. Inizia con “Io non sono una “disgrazia per le donne” perché’ non sostengo la marcia delle donne. Non mi sento una “cittadina di seconda classe” perché’ sono donna…”

Questa è la mia risposta a quel post.

Continua a leggere

Ci chiamavano Libertà

donne-partigiane

Quest’anno, per il mio compleanno mi è stato regalato un libro. Uno di quei libri che ti cambiano la vita. Che ti coinvolgono e che ti fanno affermare “il mondo adesso non sarà più lo stesso”.

Ho ringraziato cento volte la mia amica, sorella, Marina, per avermelo regalato. E voglio condividerlo con voi perchè il messaggio di questo libro è davvero importante.

Ci chiamavano Libertà di Donatella Alfonso. Non è una storia, non è un romanzo, è un insieme di testimonianze a riprova che le partigiane e le resistenti sono davvero esistite. Che senza di loro la Resistenza italiana nella seconda guerra mondiale non sarebbe mai esistita.

Non ne parlano mai nelle scuole delle donne. Perchè? Quale era il loro ruolo nella resistenza partigiana? Perchè sono così importanti?

Si parla di una “Resistenza Taciuta” come viene definita per la prima volta nel 1976 nel libro di Anna Maria Bruzzone e Rachele Farina, e non perchè ci sia stato un silenzio assoluto, ma perchè sono state davvero poche le donne che hanno avuto il coraggio di accettare un riconoscimento e dichiarare che erano state partigiane.

In un paese maschilista come il nostro, con una mentalità vecchia di almeno 70 anni, la donna che combatteva, che passava del tempo con gli uomini, che non stava in casa a badare alla famiglia, era considerata una poco di buono. Ma vi spiegherò meglio dopo…

Secondo i calcoli di esperti militari si contano almeno un milione di donne impegnate nella Resistenza. Purtroppo però i numeri ufficiali negli elenchi dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) sono ben altri:

35 mila partigiane combattenti

20 mila “patriote” con funzioni di supporto

70 mila donne inquadrate nei Gdd (gruppi di difesa della donna)

19 medaglie d’oro al valore e 17 d’argento

2812 le donne che sono state fucilate o impiccate

1070 le donne cadute in combattimento

2750 le donne deportate nei campi di concentramento (molte delle quali a Ravensbrück)

4653 le donne arrestate e torturate

891 le donne deferite al tribunale speciale

Inutile quindi ribadire che la donna, nella resistenza italiana ha avuto un ruolo fondamentale.

Il libro, che contiene le testimonianze di decine di donne che hanno combattuto e lottato per la libertà (non solo dalla guerra, ma anche dal pensiero chiuso e maschilista) apre a un punto di vista diverso, che non deve essere più ignorato.

Facendo un passo indietro, un’immagine esplicativa di come viveva la donna 70 anni fa è questa:

 15940525_1200002803400211_5064811592913549376_n

*foto presa dalla pagina “Abbatto i Muri” di Facebook

Lascio anche un articolo interessante con l’intervista alla ricercatrice Annacarla Valeriano che ha svolto ricerche con l’Università agli Studi di Teramo sulla vita di queste donne considerate “malate” nella società fascista.

La presa di coscienza delle donne che hanno deciso di combattere contro la guerra, ribellandosi al fascismo e la nazismo, non era solo per il bisogno di porre fine alla miseria, alla povertà, alla morte.

Le donne combattevano anche per i loro diritti, per il loro bisogno di potersi esprimere, per la possibilità di un futuro migliore per le loro figlie.

Leggendo le testimonianze riportate nel libro, il bisogno primario era quello del diritto al voto. Il suffragio universale. Tanto che il 31 gennaio 1945 con il decreto De Gasperi-Togliatti, tutte le donne sopra i ventuno anni di età, ottennero il diritto al voto. L’8 marzo i GDD (Gruppi di difesa delle donne) celebrarono la giornata internazionale della donna puntando proprio sull’importanza del diritto al voto. E anche se la radio banda di Mussolini, il giorno in cui fu concesso questo diritto, continuava ad affermare che “le donne italiane erano incapaci di avere un’opinione politica e che il giorno delle elezioni avrebbero votato per il candidato più bello o per un attore… ” le donne non si diedero per vinte, e per il voto dell’Assemblea costituente furono ben 14.610.845 ad esercitare il loro diritto, contro gli uomini che furono 13.354.601.

IL RUOLO DELLE DONNE

I ruoli che hanno ricoperto le partigiane si possono definire in tre categorie:

  • la corriera
  • la staffetta
  • la lotta armata

La corriera era il ruolo riservato alla donna giovane, spesso poco più che bambina per dare meno nell’occhio. Consisteva nel far passare le valigie o le borse a doppio fondo attraverso i posti di blocco e di controllo dei nazifascisti. Come racconta Rosa Messina Pessi insieme al marito Secondo Pessi  nel libro “Nella lotta insieme. Il prezzo della democrazia”  il viaggio durava in media tre o quattro giorni perchè all’epoca non si avevano i mezzi di cui si dispone oggi. Poteva essere effettuato in treno, a piedi, con mezzi di fortuna. Lei doveva arrivare a Milano, presso la vecchia drogheria del sig. Luigi, il quale gestiva le “corriere” provenienti da tutta Italia e forniva il cambio delle valigie che poi dovevano essere trasportate. Nel retro della bottega vi era una stanza per far soggiornare le corriere, in modo che non rischiassero di essere trovate dai nazifascisti. Le corriere poi uscivano dal retrobottega solo quando dovevano ripartire.

La staffetta consisteva nella trasmissione delle informazioni e nella consegna di materiali e armi. E’ il ruolo più noto nella resistenza femminile.

gruppi-difesa-donna

Queste donne, anche giovanissime, andavano ovunque: attraversavano villaggi, si arrampicavano su per i monti, scendevano a valle. Ovunque pur di portare a termine il loro lavoro, piene di paura ma allo stesso tempo spavalde, attraversavano i posti di blocco dei nazifascisti pur di raggiungere il loro unico obiettivo. La libertà.

Riprendo un passaggio del libro “Ci chiamavano libertà” che spiega benissimo il concetto:

“… La bicicletta è il simbolo della libertà della staffetta: si pedala col vento tra i capelli, si osserva il passaggio che scorre veloce, si respira a pieni polmoni, si incontra ogni genere di persona. Si rischia, la staffetta lo sa perfettamente e questo fa parte della libertà e della scelta che la giovane ha compiuto.”

Le regole principali che dovevano essere rispettate per svolgere questi lavori, come si evince da una “Lettera del partito comunista alle compagne staffette” che fu diffusa clandestinamente e pubblicata solo dieci anni dopo la Liberazione da “Rinascita” erano:

  1. Non devi far conoscere a nessuno il lavoro che svolgi, dove vai e da dove vieni.
  2. Nella casa dove abiti, devi far credere che hai una normale professione e devi provvederti di quanto ti occorre per dimostrare che eserciti quella professione.
  3. Devi avere sempre pronta una giustificazione nel caso che durante il viaggio fossi fermata e interrogata su quello che fai.
  4. Sii sempre puntuale e prudente nell’andare agli appuntamenti e ai recapiti
  5. Nell’andare ai recapiti assicurati sempre che nessuno ti segua.
  6. Se ti accorgi che qualche persona sospetta segue i tuoi movimenti, non entrare nella casa, non recarti al luogo del recapito o dell’appuntamento.
  7. Quando ti accade qualche incidente o noti qualche cosa che non va, devi subito informare nei minimi particolari il dirigente del tuo lavoro.
  8. Nascondi il materiale che trasporti nel modo migliore e cammina sempre con disinvoltura e senza destare sospetti.
  9. Quando hai recapiti dove ti rechi prendi contatto con i compagni, consegna a loro ciò che devi consegnare senza dire ciò che porti o ciò che sei venuta a fare.

La lotta armata. Sì, perchè anche le donne combattevano. Quando erano bruciate (ovvero erano state riconosciute o segnalate ai nazifasciti, e quindi non potevano più lavorare come staffette) le donne venivano mandate in montagna insieme ai partigiani per la lotta armata. Ci sono state anche donne che hanno deciso di farlo per vocazione, perchè volevano combattere, ma spesso il motivo era la salvaguardia del gruppo a cui facevano riferimento e l’incolumità della donna e della sua famiglia.

Riprendo la testimonianza di Mariuccia Fava per sottolineare che le donne non ricevevano nessun comportamento di favore in quanto donne.

“… Mi sono trovata sempre bene, nessuno non solo ha mai fatto delle avances o mi ha mancato di rispetto, ma proprio nessuno ci pensava: lì eravamo solo dei compagni che combattevano. … Eravamo tutti uguali. … Certo, quando sono arrivata su magari qualcuno si aspettava che io facessi qualche lavoro per loro, ma se lo son sognato: io non ho mai fatto da mangiare, per principio… io volevo sparare … “

partigiane

Il problema, per quanto riguarda la testimonianza, è che queste donne (come avevo già accennato prima) non potevano raccontare cosa era accaduto durante la guerra. Non potevano dire che erano state delle protagoniste della resistenza e non potevano dire che erano state le protagoniste della Resistenza italiana. Il patriarcato, forte all’epoca, le avrebbe messe in cattiva luce. Rischiavano di non trovare lavoro, di essere ripudiate dalle famiglie e dai conoscenti. Soprattutto le donne che erano state sui monti.

L’idea di una donna insieme a una trentina di uomini (compagni, fratelli di lotta)… “chissà cosa le hanno fatto quando era lassù”… Una lotta al pudore.

Per questo non si hanno molte testimonianze delle donne. Per questo molte hanno preferito non ottenere l’onorificenza e la medaglia al valore. Per questo è una Resistenza Taciuta che non si racconta nei libri di storia. Fortunatamente, grazie al lavoro svolto dalla scrittrice, la testimonianza di Mariuccia Fava è una delle tante presenti nel libro. Vi consiglio vivamente di leggerlo per avere un quadro più chiaro della situazione.

Quest’anno appunto per il 27 gennaio abbiamo voluto sottolineare una storia taciuta. Semisconosciuta.

Chi conosce il nostro blog sa già dell’attenzione che poniamo alla storia. Perchè solo conoscendo la storia passata possiamo capire cosa sta succedendo oggi.

In 70 anni quante cose sono cambiate? Il ruolo della donna è diverso?

Fortunatamente per molti aspetti sì, anche se il patriarcato è duro a morire.

Oggi le donne possono lavorare, ma ancora non possono vestirsi come vogliono, dormire con chi vogliono, agire COME VOGLIONO. La strada è ancora lunga.

Non ci stanchiamo mai di ripetere che la donna “poco di buono” non esiste. La libertà di espressione, di azione, di pensiero è importante. E su questo dobbiamo ancora lavorare tanto.

Il maschilismo interiorizzato, inteso come “Eva contro Eva”, ovvero quelle azioni di slut-shaming che avvengono ogni giorno, di certo non ci aiutano. Le donne per prime dovrebbero essere unite e dovrebbero capire che solo rimanendo compatte, si può lottare contro il patriarcato e contro il sessismo, proprio come hanno fatto le nostre eroine. Le nostre partigiane che hanno sconfitto la guerra.

Senza di loro non sarebbe potuto succedere. Si parla di alleanza e coalizione tra donne, tra uomini e TRA DONNE E UOMINI.

Se prima si era indicate per “poco di buono” perchè si andava a combattere sui monti, adesso siamo indicate per “poco di buono” perchè ci mettiamo una minigonna, perchè dormiamo in camere miste in un ostello o perchè torniamo a casa di notte da sole.

Occorre capire che le donne non devono offendersi a vicenda per trasmettere un messaggio di solidarietà tra i sessi.

In questa giornata della memoria, VOGLIAMO RICORDARE, non scordare.

Vogliamo ricordare TUTT* coloro che hanno combattuto per la nostra libertà. Tutt* coloro che non ce l’anno fatta. Tutt* coloro che credevano in un mondo migliore, di pace, di accettazione, di tolleranza, DI AMORE.

Nel nostro primissimo video pubblicato sulla nostra pagina di Facebook è visibile questo:

Noi non vogliamo che la storia si ripeta. Non vogliamo che il mondo sia così.

Impegniamoci a cambiare.

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo

                                                                                                     – Mahatma Gandhi

Valentina R.

Fonti:

Mussolini, sfatiamo un po’ di miti…

14908351_167713903688588_1591709586182707125_n

Ogni volta che vedo un link su Mussolini in cui si afferma che quando c’era lui si stava meglio un mio neurone si suicida e mi si tappano le vene! E vi invito TUTT* a segnalarci tutti i link assurdi che vengano creati affinchè si crei una sorta di decalogo sui miti di Mussolini da sfatare.

Per questo ho deciso di riprendere un vecchio post in cui venivano riassunti i miti da sfatare di Benito Mussolini con delle prove schiaccianti affinchè TUTT* capiscano che il fascismo non era un bene, era una dittatura, e come tale ha portato solo morte, paura e povertà.

LE AFFERMAZIONI:

Il Duce ha inventato l’INPS con la quale garantiva la pensione a tutti

Il primo sistema pensionistico nacque nel 1898 con la Cassa Nazionale di Previdenza per la vecchiaia e l’invalidità degli operai che nel 1919 divenne obbligatoria e contava l’iscrizione di 12 milioni di lavoratori. Mussolini non fece altro che trasformare questa cassa in un ente pubblico avente personalità giuridica.

Potete leggere qui il Regio Decreto emesso dal Governo Mussolini.

Quindi possiamo dire che l’affermazione è FALSA!

Il Duce garantì l’assistenza sanitaria a tutti i lavoratori

Mussolini emanò una legge nel 1943 che prevedeva alcune tutele riservate solo ai dipendenti pubblici.

La mutua, o indennità di malattia, è nata dopo la caduta del fascismo con il decreto legislativo 13 maggio 1947 n. 435 , che poi è stato a sua volta esteso nel 1978  con la Legge 23 dicembre 1978, n. 833  per l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale.

Quindi possiamo dire che l’affermazione è FALSA!

Il Duce ha inventato la Cassa Integrazione Guadagni per aiutare i lavoratori di aziende senza lavoro

La cassa integrazione guadagni o CIG è un istituto previsto dalla legislazione italiana consistente in una prestazione economica, erogata dall’INPS o dall’INPGI, a favore dei lavoratori sospesi dall’obbligo di eseguire la prestazione lavorativa o che lavorino a orario ridotto. [cit. Wikipedia]

E’ stata istituita nel 1947 con il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 12 agosto 1947, n. 869 proprio per sostenere i lavorati dipendenti delle aziende che erano stato gravemente colpite durante la guerra e non avevano fondi per riprendere l’attività.

Quindi possiamo dire che l’affermazione è FALSA!

Il Duce ha fatto costruire grandi strade in Italia

Il programma per la costruzione delle strade in Italia inizio già nel governo Giolitti. Mussolini prese solo in mano la situazione.  Qualche nozione in più su Giolitti ci può far comodo, ecco QUI

Con ciò si può affermare che con o senza Mussolini il lavoro sarebbe stato svolto.

Glie ne diamo merito? Vero che avrebbe potuto anche fregarsene, ma poi… che figura avrebbe fatto nei confronti della Germania?

Quindi possiamo dire che l’affermazione non è completamente ESATTA! 

Con il Duce eravamo tutti più ricchi

Davvero volete la prova di questa falsa affermazione?

Avete mai sentito parlare del Giorno della Fede? Quel giorno in cui, dopo l’invasione dell’Etiopia, l’Italia subì delle sanzioni internazionali gravi nel 1936, e gli italiani furono “invitati” a donare tutto il proprio oro alla Patria e quindi persero molti dei loro averi…

E’ vero che nei primi 4 anni del governo fascista Mussolini incoraggiò la libera concorrenza, ridusse le tasse, abbatté le restrizioni al commercio e ridusse inoltre la spesa pubblica riequilibrando il bilancio, ma cosa successe dopo? 

Mi ricordo ancora le grosse risate quando a scuola, mentre la prof. ci spiegava le vicende della Seconda Guerra Mondiale, venne fuori che Mussolini preparò dei fucili di cartone per non fare brutta figura con Hitler… Di cosa stiamo parlando allora?

E quanta povertà ha portato la guerra? Le razioni di pane e farina che venivano date, le persone che rubavano ai tedeschi il cibo rischiando di morire…

Ma per favore! 

Il Duce ha avviato il progetto della bonifica pontina

Il primo progetto per la bonifica pontina fu del 1500 ad opera di Leonardo da Vinci e QUI potrete trovare alcune immagini, tra l’altro bellissime, relative al suo progetto.

Il progetto di bonifica vero e proprio fu avviato  nel 1924 con Regio Decreto 30 dicembre 1923 n. 3256 che potete leggere sulla Gazzetta Ufficiale .

Ricordo a riguardo, che anche se Mussolini era un esponente politico, il regime dittatoriale inizio nel 1928.

Nel 1933 Mussolini riprese in mano la situazione… Un po’ come la storia delle strade in età giolittiana.

Tirate voi le somme.

È grazie al Duce che i lavoratori dipendenti hanno la tredicesima

La gratifica natalizia già esisteva.

Nel 1937, Mussolini, introdusse la tredicesima mensilità solo per alcune classi privilegiate e solo per cercare consensi.

La vera tredicesima mensilità fu istituita nel 1946 (un anno dopo la morte di Mussolini) e venne estesa a tutti gli operai con l’accordo inter confederale per l’industria del 27 ottobre 1946 e e solo nel 1960 fu concessa a tutti i lavoratori dipendenti con il D.P.R. n. 1070, del 28 luglio 1960.

________________________________________________________________

Vi invito davvero tutt* a segnalarci link e miti da sfatare. Servirà per divertirci e imparare.

L’idea dell’articolo è quello di fare cultura, capire, cercare di avere qualche nozione in più sul passato per applicarlo al presente.

Ogni volta che leggete qualcosa su internet, in particolar modo su Facebook, andate a verificare le fonti, le date, perchè la falsa informazione è un grosso cancro della società moderna e Facebook, per quanto possa essere un “giochino”, è un potente mezzo di comunicazione.

Colgo l’occasione per ringraziare Marina per avermi dato l’idea ed avermi aiutato a svilupparla.

*** immagine presa dalla pagina Quando c’era LVI e altri racconti leggendari di Facebook.

Grazie per la collaborazione.

Valentina R.