Un’ Italia INCOSTITUZIONALE

Cerchiamo di partire dalle basi…

L’art. 3 della Costituzione recita:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Le parole sono semplici da capire. Non servono lezioni di giurisprudenza né una laurea per capire che siamo tutt* uguali.

Eppure in Italia non è così. Potrei alzare un polverone, che comunque non basta mai, sul fatto che non siamo tutt* uguali. In Italia le donne sono una categoria di minoranza, chi parla una lingua diversa è una minoranza, le condizioni personali e sociali poi… sono quelle che ci fregano!

Ma non voglio soffermarmi ora su questi importantissimi discorsi. Voglio arrivare ad un altro ragionamento.

In questi giorni tra “Svegliati Italia” e “Family Day” se ne sono viste e lette di cotte e di crude.

Per me è più semplice far presente solo questo:

L’art. 29 della Costituzione recita:

La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.

Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

E adesso come la mettiamo? Proviamo ad unire i due articoli:

 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

La Repubblica (che dovrebbe impegnarsi a rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano la libertà e l’eguaglianza di tutti i cittadini) riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.

Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabilit dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

Devo articolare ancora queste parole?

Ok! Va da sé che l’Italia è INCOSTITUZIONALE! Ebbene sì! Perchè una massa di caproni che non riesce a capire che tutt* siamo uguali, che dobbiamo riconoscere a tutt* dei diritti civili FONDAMENTALI, che lo stato italiano dovrebbe già riconoscere ma che non fa (!), stanno facendo rigirare nella tomba personaggi come Martin Luther King, Nelson Mandela, Rosa Packs, Mahatma Ghandi, Anna Eleonor Roosvelt e tutt* coloro che hanno dedicato la loro vita a diffondere un unico messaggio: SIAMO TUTT* UGUALI, TUTT* HANNO GLI STESSI DIRITTI.

Ora starete pensando che magari Nelson Mandela o Martin Luther King non hanno combattuto per i diritti dei gay, e poi che c’entrano con l’Italia.

LA DISCRIMINAZIONE È DISCRIMINAZIONE. SI TRATTA DI DIRITTI UMANI.

La stessa A.P.A. (American Psychological Association) afferma:

Non vi è alcuna evidenza scientifica che persone gay o lesbiche siano meno adatte alla funzione genitoriale rispetto a coppie eterosessuali. Questa monumentale review scientifica ha dimostrato che la regolazione, lo sviluppo ed il benessere psicologico dei bambini non sono correlati all’orientamento sessuale dei genitori

Prima di andare a letto stasera, fatevi un bell’esame di coscienza. Molti si sentono soddisfatti solo perché non hanno aggredito, denigrato, picchiato, mandato a quel paese qualcuno. Questo è il minimo… Ma in realtà non è abbastanza. Vivere in questa società, rispettando il prossimo vuol dire accettare e soprattutto volere che tutt* abbiano gli stessi diritti.

Ma insomma! La volete o no un’Italia democratica e costituzionale?! SVEGLIATEVI!

 

Valentina R. 
Annunci

One thought on “Un’ Italia INCOSTITUZIONALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...